salta la barra menu di navigazione veloce Comune di Montemurlo  Archivio Storico del Comune di Montemurlo  Ricerca nel periodo Preunitario  I ARCHIVIO DEL COMUNE  I DELIBERAZIONI E PARTITI

Periodo Preunitario
Sezione I ARCHIVIO DEL COMUNE  1387 - 1796

I DELIBERAZIONI E PARTITI
La struttura di governo del comune di Montemurlo era stata determinata dallo statuto del 1387. Un gonfaloniere e quindici consiglieri costituivano gli «ufficiali» del comune. Questi ultimi erano eletti durante l'assemblea o parlamento quindici giorni prima delle calende di gennaio e di luglio e duravano in carica sei mesi. L'elezione avveniva per imborsazione e tratta tra tutti coloro che possedevano il requisito di antico montemurlese o che dimoravano almeno da trent'anni a Montemurlo. I consiglieri erano ripartiti per contrade e ville nel modo seguente: tre per la contrada del «Borgo de sopra de castello de Monte Morlo»; tre per quella del «Borgo de sotto»; tre per la «Villa de Bagnolo»; altri tre per «Villa Nova», «Cicingnano» e «Stralglano»; altri tre tra la «villa di Valglano», la «villa de Guzzano» e la «villa d'Albiano». In seguito alla diminuita importanza del comune sia dal punto di vista politico che da quello demografico, nel 1431 si credette opportuno riformare lo statuto del 1387. A causa del passaggio di un'epidemia di peste, gli «uomini atti alle faccende» del comune furono ridotti ed i consiglieri portati al numero di otto. Nel 1571, epoca del primo registro di deliberazioni del comune che è giunto sino a noi, continuavano ad essere estratti otto consiglieri ripartiti fra i quartieri della Loggia, di S. Niccolo, della Pieve e del Borgo. Insieme col gonfaloniere componevano il Consiglio che restava in carica per sei mesi. Erano inoltre previsti i seguenti uffici: il camarlingo di durata semestrale; i sindaci e ragionieri; gli stimatori dei pegni; gli stimatori per ogn'altro effetto; il rettore dei malefici; il campaio ed i sindaci delle ventidue «ville», tutte cariche di durata annuale. Le «ville» che avevano diritto all'estrazione di un loro rappresentante erano: Barzano, Santo Orezzo, il Pantano, Palarciano, Parugiano, Monteferrato, Bagniuolo, Freccione, Valiano, San Giorgio, Guzzano, Albiano, Ciriegiole, La Strada, Le Querci, Montemurlo, Le Fornaci, Valdagna, Villa Nuova, La Petraia, Stregliano, Cicignano.

Unità (totale 5)

Rete Civica di Prato PoNet
Aiuto alla consultazione Legenda Ricerca nel periodo Ricerca alfabetica Ricerca libera torna alla home page