salta la barra menu di navigazione veloce Comune di Montemurlo  Archivio Storico del Comune di Montemurlo  Ricerca nel periodo Preunitario  I ARCHIVIO DEL COMUNE  I IMPOSIZIONE DEL DECIMINO E DEI TESTANTI  DAZZAIOLI CAMARLINGO PIERO BRIGANTI  Dazzaioli di Monte Murlo dell'anno 1727 e dal 1736 all'anno 1746.

Periodo Preunitario
Sezione I ARCHIVIO DEL COMUNE  1387 - 1796
Serie I IMPOSIZIONE DEL DECIMINO E DEI TESTANTI
DAZZAIOLI CAMARLINGO PIERO BRIGANTI  

Unità Dazzaioli di Monte Murlo dell'anno 1727 e dal 1736 all'anno 1746. - numero 20
1727, febbraio 28 / 1746

1) Dazzaiolo per l'anno a tutto febbraio 1728, cc. 56. A c. 2: «Questo è il dazzaiolo del comune di Montemurlo consegnato a Pietro d'Isippo Briganti camarlingo per l'anno a tutto febbraio 1727 ab Incarnatione, con il quale deve risquotere l'unica imposta di lire quattro, soldi 10, in tre tempi, secondo gl'ordini, cioè: la prima paga per tutto agosto 1727; la 2° per tutto ottobre detto; la 3° per tutto gennaro susseguente. Et all'incontro pagare al camarlingo generale della potesteria di Campi, e per essa al signor Giuliano Fabbrini camarlingo, l'imposta di lire 2.6.8 per lire sopra la massa di lire 310.-.-. lire 723.6.8 parimente in tré tempi, cioè: la prima paga per tutto settembre; la 2° per tutto novembre; la 3° per tutto febbraro, acciò possa corrispondere in tempo alla cassa del Magistrato de signori nove et al Vicariato di Scarperia, con la commissione che, mancando di fare detti pagamenti, e ciascheduno di essi in detti mesi e tempi, si poseranno sopra di lui tutte le spese che ne seguissero per dato e fatto suo. Prima di risquotere facci approvare l'imposta e quella di poi pubblicare secondo gl'ordini, sotto le pene mancando etc. Noti di contro alle poste de debitori li pagamenti che volta per volta li saranno fatti, con il giorno, mese et anno del fatto pagamento, acciò possa farsene sempre il riscontro e non pigli emolumenti alcuno per le ricevute, sotto le pene etc. Facci una nota di tutti quelli soldati, popolo per popolo, alli quali avrà fatto buono il godimento sopra la loro massa, acciò possa farsene al saldo il giusto defalco. Facci pagare il supplemento della testa a tutti quelli che fanno le terre per meno di lire 1 essendo garzoni, pigionali o operai, o per meno delle lire 2 essendo artefici o maestri; e del riscosso se ne dia debito nel presente dazzaiolo in conto a parte per poi metterlo al saldo delle sue ragioni. Non facci pagamenti senza il precedente mandato del cancelliere, eccettuati quelli di magistrati dell'antedetta podesteria, altr

Filza legata in mezza pergamena di n. 10 registri

Rete Civica di Prato PoNet
Aiuto alla consultazione Legenda Ricerca nel periodo Ricerca alfabetica Ricerca libera torna alla home page